La Fatturazione Elettronica verso la PA

Il 6 giugno 2014 è scattato l’obbligo di fatturazione elettronica verso la gran parte della PA Centrali (la “prima scadenza”); per il resto della PA del nostro Paese l’obbligo scatterà il prossimo 31 marzo 2015 (la “seconda scandenza”) come indicato nel recente “Decreto Irpef” (DL n. 66 del 24 aprile 2014).

La Fattura è un documento che è soggetto a regole chiare di conservazione, chiude il ciclo logistico-commerciale e apre quello amministrativo-contabile; riporta le informazioni della relazione di business che si è sviluppata a monte  – su ordini, Conferma d’ordine, Documenti di Trasporto o Bolle – e attiva la procedure a valle di pagamento; è un documento su cui è opportuno procedere alle verifiche di incasso e con cui non è possibile richiedere anticipi finanziari. Gli impatti del “rendere” elettronica la fattura sono molteplici e rilevanti su diversi fronti.

L’obbligo richiede un formato “elettronico strutturato”, scritto in un XML coerente con quanto definito dall’Agenzia dell’Entrate che ha sviluppato il “Tracciato_FatturaPA”. Deve inoltre essere firmata digitalmente per garantire autenticità del mittente e integrità del contenuto. Infine va conservata in modalità elettronica, sia lato mittente, sia lato destinatario.

Questa nuova prassi può far scaturire una riflessione da parte delle imprese che forniscono la PA italiana: perché non dotarsi di soluzioni per gestire elettronicamente anche Ordini, Conferme d’ordine, Documenti di trasporto o Stati Avanzamento lavori integrando il flusso con la stessa fattura elettronica per una gestione più fluida dell’accesso al credito e la verifica degli incassi?

La Fatturazione Elettronica è un’innovazione culturale prima che tecnologia.

Iniziare a fare Fatturazione Elettronica incide fortemente sui modelli di relazione e sulla cultura digitale di un Sistema Paese oggi ancora lento nel cogliere le opportunità della Digitalizzazione.

Molte imprese inviano ancora via Posta fatture cartacee, rallentando i propri processi e bloccando personale su attività “non a valore aggiunto”, riversando queste inefficienze anche su chi riceve le fatture e le deve registrare a sistema.

Tutto questo può essere reso più fluido grazie alla Fatturazione Elettronica strutturata, inoltre l’applicazione dei principi della Digitalizzazione  agli altro documenti del Ciclo dell’Ordine può generare dinamiche di relazione semiautomatiche facili, veloci più efficienti e sicure.

AdiPA

 

 

 

Sisofo con AdiP.A. vi offre la soluzione per gestire le fatture verso la Pubblica Amministrazione.

Per informazioni dettagliate 085.693555 – info@sisofo.com